Wrocław

Come più volte ribadito, le offerte dei voli Ryanair, ci inducono a visitare città poco note al turismo di massa, come Breslavia, meta polacca dal fascino nordico, colorato e vivace.                

Arriviamo nel giorno antecedente la Pasqua cristiana, festività così sentita nel paese che ha dato i natali ad uno dei papi più amati della storia, Papa Giovanni Paolo II. E’ sicuramente affascinante, notare l’intensa partecipazione alle innumerevoli funzioni religiose che si svolgono in occasione della resurrezione di Cristo.

Ciò che ci ha colpito maggiormente è la folta policromia delle architteture di chiaro stampo gotico, esempio flagrante è il Rynek, la grande piazza del mercato, dove le facciate creano un complesso puzzle medievale di colori squillanti.

Breslavia è anche conosciuta come “la città degli gnomi” poichè negli anni Ottanta, contestualmente al regime dittatoriale, un gruppo di anti-comunisti, mediante dei graffiti raffiguranti questi esserini mitologici, palesò il proprio scontento nei confronti della situazione politica.

Un gioco che ha allietato la nostra fuga a Breslavia riguardava proprio la ricerca di queste piccole statuine in bronzo disseminate attraverso le vie del centro, raffiguranti gnomi impegnati nelle più disparate attività.

Un’altra attrazione che merita un’approfondita visita è Ostrów Tumski letteralmente l’isola della Cattedrale, adagiata sull’Oder, oggi saldata alla terraferma, si rivela come parte più antica della cittadina polacca. Meravigliosa la Cattedrale risalente al 1200, un imponente edificio gotico in laterizio con pianta basilicale.

Breslavia ci ha regalato una splendida pausa pasquale, una gradita sorpresa per chi non è amante del fascino nordico, una tranquillità a cui noi siamo davvero poco avvezzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.