Sofia

Qualora vi aspettaste una città sconvolgentemente bella, credo che Sofia non faccia per voi; nel caso in cui ricerchiate, invece, piccole sfumature e paesaggi rassicuranti è certamente quello che più si addice al vostro caso.

Ho avuto la fortuna di visitare per tre volte la Bulgaria, comprese le aree nell’entroterra come Veliko Tărnovo e Arbanasi, villaggi dal fascino medievale, addolciti da meravigliose chiese ortodosse del XVII e XVII secolo.

Sofia è una città discutibilmente bella ma che trasuda un influsso vagamente orientale, dovuto forse alla dominazione turca terminata solamente nel 1878. Moschee, chiese cristiane ortodosse e sinagoghe si intrecciano nelle vie della città facendo intuire allo spettatore la molteplicità di dominazioni a cui è stato sottoposto il territorio.

Tappa irrinunciabile è la Cattedrale di Aleksandăr Nevski, dal chiaro stile neo-bizantino e quella di San Giorgio, edificio religioso di epoca paleocristiana dal caratteristico colore rosso donatagli dal laterizio.

Il cibo è certamente un buon motivo per visitare questo paese dell’est ancora poco sfruttato turisticamente. Zuppe, formaggi e dolci davvero zuccherini come il baklava (di derivazione turca), sono le portate che più abbiamo apprezzato.

Sofia è una città che va esaminata, va apprezzata per i piccoli scorci dal gusto orientale, va gustata attraverso le sue paricolari pietanze senza ricercare un fascino sconvolgente che ahimè non possiede.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.